Taggato: 1968

Piece of My Heart – Janis Joplin – Con Testo e Traduzione

Piece of My Heart è una canzone scritta da Jerry Ragovoy e Bert Berns e pubblicata nel 1967 da Erma Franklin, sorella della più nota Aretha. A portarla al grande successo mondiale fu però una versione rock incisa nel 1968 da Janis Joplin, leader della Big Brother and the Holding Company, e inserita nell’album Cheap Thrills. Il testo e la traduzione di Piece of My Heart – in download su iTunes Oh, come on, come on, come on, come on! – Oh, vieni, vieni, vieni, vieni! Didn’t I make you feel like you were the only man? yeah! – Non...

Cosa sono le nuvole – Domenico Modugno – Audio e Testo

Cosa sono le nuvole è una canzone scritta da Pier Paolo Pasolini ed inclusa nel film a episodi del 1967 Capriccio all’italiana. Sempre nel 1967 fu pubblicata su 45 giri insieme a Notte chiara. Domenico Modugno, che aveva recitato nell’episodio diretto da Pasolini, l’aveva inserita l’anno precedente nell’album Modugno. Lorenzo Fragola ha interpretato Cosa sono le nuvole durante la seconda puntata di audizioni di X-Factor 2014. Il testo di Cosa sono le nuvole Che io possa esser dannato se non ti amo e se così non fosse non capirei più niente tutto il mio folle amore lo soffia il cielo...

Louis Armstrong – What A Wonderful World

What a Wonderful World è una canzone scritta da Bob Thiele e George David Weiss, interpretata per la prima volta da Louis Armstrong nel . Con questo brano gli autori invitano alla scoperta del piacere della vita, un testo ottimista e rilassato che esalta la bellezza del mondo e, attraverso delle metafore, la diversità fra i popoli, oltre a costituire un invito a non diffidare del futuro. Notevole la cover in chiave punk composta e interpretata da Joey Ramone, iserita nell’album postumo del 2002 Don’t Worry About Me. Il testo e la traduzione di What A Wonderful World I see...

The Beatles – 1 Revolution – Con Testo e Traduzione

Scritta da John Lennon, Revolution è stata incisa in due differenti versioni, una lenta ballata quasi acustica battezzata Revolution 1, pubblicata nell’album The Beatles (White Album), e una veloce, in stile quasi Heavy metal, uscita come Lato B di Hey Jude. You say you want a revolution – Dici che vuoi una rivoluzione Well, you know – Beh, sai We all want to change the world – che tutti noi vogliamo cambiare il mondo Tou tell me that it’s evolution – mi dici che è evoluzione Well, you know – Beh, sai We all want to change the world –...

Nick Drake – Time Has Told Me (1968)

Cantautore inglese da scoprire ed apprezzare, morto a soli 26 anni per aver ingerito un’eccessiva dose di antidepressivo. Un artista bizzarro e innovativo, che accordava la sua chitarra a piacere per ogni pezzo che suonava.

The Doors – Hello, I Love You – °/ Testo Traduzione

Hello, I Love You è una canzone dei The Doors, prima traccia del lato B dell’album del Waiting for the Sun. Venne estratta come singolo nel giugno dello stesso anno. Gli ultimi tre versi furono scritti da Jim Morrison tre anni prima, quando viveva a Venice Beach, sono riferiti a una bellissima ragazza di colore: Sidewalk crouches at her feet / Like a dog that begs for something sweet / Do you hope to make her see you, fool? / Do you hope to pluck this dusky jewel? Tra le cover segnaliamo quelle di Oleander, Buddy Rich, Missing Persons, The...

Dik Dik – Senza Luce (1968)

Tempo fa la Rai dedicò una serata a Gary Brooker, leader dei Procol Harum, e dopo la performance di A Whiter Shade of Pale il presentatore, Carlo Conti, fa una gaffe di livello siderale, chiede a Brooker se sa che in quel periodo in classifica c’era anche una cover il gruppo italiano dei Dik Dik. Meravigliosa la risposta: …ma noi avevamo un nome un po’ meglio di Dik Dik (in inglese dick è sinonimo di membro maschile) L’autore del testo di Senza Luce è Mogol.

Cream – White Room (1968)

White Room, del supergruppo dei Cream, scritta dal bassista Jack Bruce e da Pete Brown, fu inserita una prima volta nella versione USA del doppio album Wheels of Fire, pubblicato nel luglio . Fu rilasciata come singolo due mesi più tardi.

I Profeti – Ho Difeso Il Mio Amore (1968)

Come abbiamo già ampiamente verificato, negli anni ’60 era di gran moda italianizzare brani inglesi di grande successo. Nel infatti I Profeti partecipano al Festivalbar con Ho difeso il mio amore, cover di Nights in White Satin (il testo non è tradotto ma riscritto con un senso completamente diverso) dei Moody Blues. La stessa canzone sarà poi incisa anche dai Nomadi, da Dalida e dai Bit-Nik. Questo il testo di Ho difeso il mio amore