No non piangere salame dei capelli verde rame

In uno dei momenti più alti della musica italiana Lucio Battisti cantava “no non piangere salame dei capelli verde rame”.

I tipi di Topoi hanno eletto questa indimenticabile lirica a titolo del proprio anti-premio Mogol, destinato a eleggere il testo peggiore dell’anno e donare al suo interprete ciò che merita: un salume tricoticamente eccentrico.

Ormai siamo giunti alla finale e i testi giunti fin qui sono: “Non so più cosa fare” di Celentano, Jovanotti, Battiato, Sangiorgi; Non è l’inferno di Emma (scritta da Kekko dei Modà; Squalo dei Litfiba.

Andate su poptopoi.com e votate quello che secondo voi è il peggior testo dell’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.