Cerca in M&B Music
ADV eADV
Categorie
Facebook

Samuele Bersani – En E Xanax – Audio Testo e spiegazione

En e Xanax, il nuovo singolo di Samuele Bersani. Il brano, in radio ed in tutti gli store digitali da oggi, 30 agosto 2013, anticipa il nuovo album di inediti dell’artista Nuvola numero nove, in uscita il 10 settembre su etichetta Sony Music.

Ispirato da un incontro struggente e inatteso, l’autore racconta la storia di “En e Xanax”, due persone che hanno il coraggio di mostrare l’uno all’altra le proprie paure e debolezze, fondendole e trasformandole in una forza. Un altro modo di considerare l’amore: come una chiave che può scardinare le porte della solitudine e dell’individualità.

En e Xanax sono farmaci ansiolitico della famiglia delle benzodiazepine.

youtube

Il testo di En E Xanax – Link per scaricarla da

En e Xanax non si conoscevano
prima di un comune attacco di panico e subito
filarono all’unisono
Lei, la figlia di una americana
trapiantata a Roma e lui
un figlio di puttana
ormai disoccupata

En e Xanax si tranquillizzavano
con le loro lingue al gusto di medicina amara
e chiodi di garofano
Lei per strada, lui rubava i libri della biblioteca
e poi glieli leggeva seduto sopra un cofano

Se non ti spaventerai con le mie paure
un giorno che mi dirai le tue
troveremo il modo di rimuoverle
In due si può lottare come dei giganti
contro ogni dolore
e su di me puoi contare per una rivoluzione
Tu hai l’anima che io vorrei avere

En e Xanax quando litigavano
avrebbero potuto fermare anche il traffico di New York
o uccidersi al telefono
Lei si calmava, lui la ritrovava nuda sulla sedia
e poi sovrapponevano il battito cardiaco

Se non ti spaventerai con le mie paure
un giorno che mi dirai le tue
troveremo il modo di rimuoverle
In due si può lottare come dei giganti
contro ogni dolore
e su di me puoi contare per una rivoluzione
Tu hai l’anima che io vorrei avere

En e Xanax si anestetizzavano
con le loro lingue al gusto di menta e marijuana
e poi si addormentavano… e poi si addormentavano…
e poi si addormentavano… e poi si addormentavano…

Lascia un Commento