Torna a Surriento – Gigi d’Alessio feat. Bianca Atzei – Con testo

In radio e digitale dal 1 febbraio 2016, Torna a Surriento è un singolo estratto Malaterra, album di Gigi D’Alessio uscito a ottobre 2015.

Ufficialmente pubblicata con diritti d’autore nel 1905, Torna a Surriento è una canzone composta nel 1902 da Ernesto De Curtis su testo del fratello Giambattista. La prima registrazione fu del tenore Mario Massa ma ad oggi è vanta innumerevoli interpretazioni e reinterpretazioni, tra le quali quella di Tito Schipa, Beniamino Gigli, Elvis Presley, Dean Martin, José Carreras, Plácido Domingo, Luciano Pavarotti, Meat Loaf, Mario Lanza, Franco Corelli, Robertino Loretti, Giuseppe Di Stefano, Francesco Albanese, Giuni Russo e Andrea Bocelli.

In questa versione di Gigi D’Alessio la canzone è cantata in duetto con Bianca Atzei ed è arrangiata da Adriano Pennino.

gigi d alessio malaterra album cover

Il testo di Torna a Surriento – in download su iTunes

Vide ‘o mare quant’è bello
spira tantu sentimento
comme tu a chi tiene mente
ca scetato ‘o faie sunnà.
Guarda, gua’, chistu ciardino
siente, sie’ sti sciure arance
nu profumo accussi fino
dinto ‘o core se ne va

E tu dice: “I’ parto, addio”
t’alluntane da stu core
da sta terra de l’ammore
tiene ‘o core ‘e nun turnà?

Ma nun me lassà
nun darme stu turmiento
torna a Surriento
famme campà

Vide ‘o mare de Surriento
che tesoro tene nfunno
chi ha girato tutto ‘o munno
nun l’ha visto comm’a ccà

Guarda attuorno sti Sserene
ca te guardano ‘ncantate
e te vonno tantu bene
te vulessero vasà

E tu dice: “I’ parto, addio”
t’alluntane da stu core
da sta terra de l’ammore
tiene ‘o core ‘e nun turnà?

Ma nun me lassà
nun darme stu turmiento
torna a Surriento
famme campà

Torna a Surriento
famme campà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.