Senza di me – Gemitaiz, Venerus & Franco126 – Con Testo

Pubblicata il 21 dicembre 2018, Senza di me è una canzone di Gemitaiz con la partecipazione di Venerus e Franco126.

Gemitaiz, all’anagrafe Davide De Luca, nato a Roma il 4 novembre 1988. Entra nel mondo della musica nel 2003. Grazie alla collaborazione con il rapper Canesecco, tra il 2006 e il 2009 pubblica i tre mixtape Affare romano (2006), Affare romano vol. 2 (2007) e Affare romano zero (2009), che vantano la collaborazione di buona parte della scena underground rap romana. Nel 2008 inoltre avviene un furto nello studio di registrazione di Etto dove vengono rubate le tracce pronte per i loro CD solisti. Le rimanenti tracce vengono pubblicate in una raccolta non mixata chiamata No(mix)tape.

Andrea Venerus nasce nel 1992 a Milano, San Siro. A 18 anni si trasferisce a Londra dove per 5 anni approfondisce le sue conoscenze musicali e comincia a lavorare a progetti personali, venendo a contatto con le scene musicali di Brixton e di Notting Hill. Terminato il periodo in terra inglese l’artista registra un disco a Roma e, rimasto affascinato dalle atmosfere della città, vi si trasferisce per vivere e lavorare.

Federico Bertollini, in arte Franco126, rapper e cantautore romano, il 10 ottobre 2018 pubblica Frigobar, primo brano da solista dopo il grande successo di Polaroid, in coppia con Carl Brave.

Senza di me - Gemitaiz, Venerus & Franco126

Il testo di Senza di me – in download digitale su iTunes o su Amazon

Ciao, amore, non piangere, ti mando un bacio (muah)
Scusami, ma a raggiungerti non ce la faccio
Lo sai com’è fatta Roma col traffico
Pure se dài il massimo poi sparisci in un attimo

Baby, ti dicevo di affacciarti alla finestra (baby)
Di stringermi la mano poi mentre scrivevo questa
Oppure un’altra, ma che importa? È un pezzo di carta
Tu guarda, c’è vento, se esci metti la sciarpa
Io sto co’ un amico in motorino, come nel ’99
Non sono mai stato così vivo (no, no)
Ho scritto un vaffanc**o sopra al cuore (ehi)
Però trovo ancora le parole (seh)
Per farti sentire grande
Pure se non so dove stai
O se mi odi come le altre (ehi)

Una volta è colpa tua (yeah)
Due volte è colpa mia (oh)
Ma dove vai (eh?)
Senza di me?

Prendimi a pugni il cuore se ritorno di nuovo da te
Da fuori non sembro solo
Ma, baby, tu sai come sono
Offrirò a tutti un giro per brindare un’altra volta a te
Che mi hai lasciato il segno, che da quando non ti ho mi perdo

Sembra ieri guardavamo il cielo cadere sui tetti dei palazzi
E scioglievi questo nodo che c’ho sempre in gola co’ un filo di voce
Mi ricordo bene tutte quante le promesse che ci siamo fatti
Quello che ricordo meglio è quello che alla fine non ci siamo detti

Ora fingo di essere tranquillo
Mi dico che è tutto a posto
Mando giù un dito di Smirnoff
Per inghiottire un altro strillo
E scordarmi i tratti del tuo volto
Forse sono a un punto morto
È un pezzo che non chiudo occhio
E a tratti non mi riconosco
Peccato, tempo sprecato
Siamo ad un passo divisi soltanto da un vetro specchiato
Respiro spezzato un bicchiere scheggiato sopra la moquette
Questa notte lascio impronte
Su una strada di polvere
Credevi a tutte le mie bugie
Per non restare senza di me

Prendimi a pugni il cuore se ritorno di nuovo da te
Da fuori non sembro solo
Ma, baby, tu sai come sono
Offrirò a tutti un giro per brindare un’altra volta a te
Che mi hai lasciato il segno, che da quando non ti ho mi perdo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.