È un’altra cosa – Francesco Gabbani – Con Testo e Significato

Pubblicata il 10 maggio 2019, È un’altra cosa è una canzone di Francesco Gabbani, il brano anticipa il suo quarto album.

Il due volte vincitore del Festival di Sanremo, nel 2016 nella categoria Nuove Proposte con Amen e nel 2017 nella categoria Big con il brano Occidentali’s Karma, nei giorni precedenti la pubblicazione ha condiviso sui suoi profili social un’anteprima del brano e alcuni indizi su quelli che comporranno il disco: Crea, Volare, Altra, Unica, Sincera e Puro.

È un’altra cosa è scritto dallo stesso Francesco Gabbani, Filippo Gabbani, Francesco Bianconi (Baustelle), Fabio Ilacqua e Luca Chiaravalli. Come nella migliore tradizione del cantautore offre spunti di riflessione, racconta come in un tessuto sociale cucito da retaggi culturali standardizzati nei quali talvolta è difficile ritrovarsi singolarmente, la soluzione non consista nella fuga, ma nell’accettazione e nel cambio di prospettiva.

Francesco Gabbani È un'altra cosa

Il testo di È un’altra cosa – Francesco Gabbani

La maggiorana dà sapore ma non sfama
Politica pool party
La marijuana puritana non funziona
Promette poi non fa

Io per partito preso non son più partito
Ci credi che non credo se non ficco il dito
Sia benedetto il giorno in cui sono finito
In your eyes, sono altrove

L’estate dentro ai tuoi occhi
È un’altra cosa
Il mare dove non tocchi
È un’altra cosa
Quando di colpo sorridi e ci tieni sospesi sul mondo così
È un’altra cosa, sì

Che bel futuro popolare in pole position
Economia go kart
È tratto da una storia vera di una fiction
Come si fa re-start?

Io per partito preso non ho più capito
Se il popolo ha ragione o il popolo è impazzito
Finisce tutto il resto e resta l’infinito
In your eyes, sono altrove

L’estate dentro ai tuoi occhi
È un’altra cosa
Il mare dove non tocchi
È un’altra cosa
Quando di colpo sorridi e ci tieni sospesi sul mondo così
È un’altra cosa, sì
È un’altra cosa
È un’altra cosa
È un’altra cosa, sì
È un’altra cosa

Io per partito preso non son più partito
Ancora non ci credo se non ficco il dito
Sia benedetto il giorno in cui sono finito
In your eyes, sono altrove (allora dove)

L’estate dentro ai tuoi occhi
È un’altra cosa
Il mare dove non tocchi
È un’altra cosa
Quando di colpo sorridi e ci tieni sospesi sul mondo così
È un’altra cosa, sì
Quando mi guardi negli occhi
È un’altra cosa
Quando hai l’estate negli occhi
È un’altra cosa
Quando di colpo sorridi
E ci tieni sospesi sul mondo così
È un’altra cosa sì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.