Madama Blu – Franco Ricciardi – Con Testo

Madama Blu è una canzone di Franco Ricciardi, terza traccia di Figli e Figliastri, album pubblicato il 15 aprile 2014.

Il brano, scritto da Liccardo e Rosario D-Ross, è stato scelto dagli autori Gomorra, in onda su Sky Atlantic dal 29 marzo 2019, per la colonna sonora di una puntata della serie, la numero 10 andata in onda venerdì 26 aprile 2019. Madama Blu racconta la line sottile che divide il legale dall’illegale.

Madama Blu - Franco Ricciardi con testo

Con Madama Blu, Ammore senza core e Capisc a me sono in tutto tre i suoi brani scelti come soundtrack ufficiale dell’ultima serie.

Biografia di Franco Ricciardi

Franco Ricciardi, nome d’arte di Francesco Liccardo (Napoli, 6 ottobre 1966), nato nel quartiere di Secondigliano, settimo di otto figli, che inizia la sua attività nel 1995. In carriera ha registrato due 23 album, ha vinto due David di Donatello e vanta collaborazioni tra gli altri con Ivan Granatino, 99 Posse, Enzo Avitabile, Gué Pequeno, Jack la Furia, Clementino, Luchè, Rocco Hunt, Club Dogo, Gigi D’Alessio.

Nel 2019 canta la sigla del programma Made in Sud in onda su Rai 2, con Rocco Hunt ed Edoardo Bennato. Canta in coppia con Sal Da Vinci, e Andrea Sannino un brano scritto da Renato Zero e dallo stesso Sal Da Vinci Nanà, canzone dedicata alla città di Napoli.

Tra i molto film e serie yv in cui compaiono sue canzoni anche Ammore e malavita, regia dei Manetti Bros.

Il testo di Madama Blu – Franco Ricciardi

È pecché si n’infama fai sempe figl’e figliastr
Ma si a cchiù mamm re femmen, cu te nun voglij venì
Ij pe ttè nun so nient, so na pierdt e tiemp
Ma si vonn t’accatn, dimm chell ch’avè
È pecché si buciard, si na bell signora
T piac chiagnere e fottere, cu ttè nun voglij venì
Ij pe ttè nun so nient, so na perdit e tiemp
Ma si vonn t’accatn, dimm chell ch’avè

E quanti sere sott’e vele ‘na madama blu
A gent me dicev saglij ca nun vene cchiù
E pò na sera tutti nsieme na madama blu
E me ricett vienitenne ccà nun vieni cchiù
E pò na ser, chella ser tu
Tu me ricist saglitenne ca nun veng cchiù
E po’ chi o sap si sì stat tu
Ma chell sera a casa mij nun so turnat cchiù

È pekké si velen, si na rosa che voglij
Tien’a facij re zoccule cu ttè nun voglij venì
Ij pe ttè nun so nient, so na pierdt e tiemp
Ma si vonn t’accatn, dimm chell ch’avè

E quanti sere sott’e vele ‘na madama blu
A gent me dicev saglij ca nun vene cchiù
E pò na sera tutti nsieme na madama blu
E me ricett vienitenne ccà nun vieni cchiù
E pò na ser, chella ser tu
Tu me ricist saglitenne ca nun veng cchiù
E po’ chi o sap si sì stat tu
Ma chell sera a casa mij nun so turnat cchiù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.