Ho amato tutto – Tosca, Testo canzone Sanremo 2020

Ho amato tutto è il titolo della canzone della canzone che Tosca ha portato in gara alla settantesima edizione del Festival di Sanremo, Teatro Ariston dal 4 all’8 febbraio 2020, condotto da Amadeus, che ne è anche il direttore artistico.

Tosca Morabeza

Giovedì 6 febbraio, nella terza serata, quella dedicata alle cover, Tosca canta Piazza grande, brano del 1972 di Lucio Dalla, insieme a Silvia Perez Cruz.

Riguardo alla canzone Tosca ha scritto nella propria pagina facebook: Pietrino è un uomo dolce dolce ma con una volontà incredibile. Un giorno, 5 anni fa, ricordo che eravamo sotto un albero della sede di Officina Pasolini alla Garbatella in pausa fra una lezione e l’altra: mi canticchia qualcosa che sta scrivendo… resto rapita… è solo una piccola strofa ma a mio parere bellissima. Sta passando un brutto periodo… un amore sta finendo e vuole fermare quel momento… Gli chiedo di andare avanti… un mese dopo mi manda una canzone che sento addosso in una maniera strana… É come uno specchio, è “Ho amato tutto”.

Il testo di Ho amato tutto – Tosca

Autore P. Cantarelli

Tre passi e dentro la finestra
Il cielo si fa muto
Resto lì a guardare
Io so cantare so suonare so reagire ad un addio
Ma stasera non mi riesce niente

Stasera se volesse Dio
Faccio pace coi tuoi occhi
Finalmente
Con te ho riscritto l’alfabeto
Di ogni parola stanca il significato

Perfettamente inutile cercare di fermare l’onda che
Ci annega e ci lascia senza fiato
Ed è una musica che va
In un istante è primavera
Che ritorna

E come un pesce che non può più respirare
Come un palazzo intero che sta per cadere
Tu sei l’unica messa a cui io sono andata
Un volo che è partito
Svanito in fondo al blu

E io adesso farei qualsiasi cosa
Per sfiorare le tue labbra
Per rivederti
Se è vero che il tempo ci rincorre
Oggi sono questa faccia questa carne e queste ossa
Le sento ancora addosso le tue mani che mi spostano più in là
Dove si vive solo di uno sguardo

È tardi, si spegne la candela
È sempre troppo tardi
Per chi non tornerà
E come un pesce che non può più respirare
Come un palazzo intero che sta per cadere
Tu sei l’unica messa a cui io sono andata
Un treno che è partito

Sparito in mezzo al blu
E io adesso farei qualsiasi cosa
Per averti fra le braccia
Per rivederti
Perché se manchi tu manchi da morire

Perché amarsi è respirare i tuoi respiri
Stracciarsi via la pelle e volersela scambiare
È l’attimo fatale in cui mi sono arresa
Perché tu vieni con questo amore tra le mani
E come sempre nei tuoi occhi
La mia casa
Se tu mi chiedi in questa vita cosa ho fatto
Io ti rispondo ho amato
Ho amato tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.