Brunori Sas – Un errore di distrazione – Con Testo e Significato

Un errore di distrazione è una canzone di Brunori Sas inserita nella colonna sonora de L’ospite, film diretto da Duccio Chiarini con Daniele Parisi, Silvia D’Amico, Anna Bellato, Thony e Sergio Pierattini. Il brano è stato candidato ai David di Donatello 2020 nella categoria Miglior Canzone Originale.

Brunori Sas - Un errore di distrazione - Con Testo e Significato

La trama del film L’ospite

Guido pensava di avere una vita tranquilla fino a quando, in un pomeriggio d’inverno, un imprevisto sotto alle lenzuola non arriva a turbare la sua relazione con la fidanzata Chiara. Diretti in farmacia per comprare la pillola del giorno dopo, Guido le propone di non prenderla e Chiara si trova costretta a confessare i suoi recenti dubbi sul loro rapporto. È l’inizio della crisi e Guido è presto costretto a fare le valigie e ad andarsene di casa, ma per andare dove? Incapace di stare da solo, chiede ospitalità nelle case dei genitori e degli amici più cari trovandosi a naufragare da un divano all’altro nell’insolito ruolo di testimone delle loro vite e dei loro grovigli amorosi…

Il significato di Un errore di distrazione

Il significato della canzone viene così descritto: “descrive la fine di un amore in modo delicato, sussurrato, rendendo gentile un momento di passaggio che, nella realtà della vita di ognuno, è, in effetti, devastante“.

Un errore di distrazione è disponibile in digitale su Amazon e su iTunes a partire da venerdì 28 febbraio 2020.

Il testo di Un errore di distrazione – Brunori Sas

Un giorno capirai
Che non c’era niente da cambiare
Non c’era niente da rifare
Bastava solo aver pazienza
Ed aspettare che le cose
Che ogni cosa si aggiustasse da sé

Quel giorno capirai
Che la passione ha una scadenza
Che è soltanto una scemenza
Cercare il cielo in una stanza
Ma ti piacciono le favole, lo so
È più forte di te

E dei tuoi alibi di ferro
Arrugginiti dalle lacrime
Di questo stro**o innamorato di te
Che ha scritto pure una canzone
Forse nutrendo l’illusione
Che nei tuoi occhi ci sia quello che non c’è

Ma è solo un attimo, come dire
Un errore di distrazione
Di questo cuore sempre attento
A non fare un passo falso
A non esser mai convinto di niente
È solo un attimo, lo giuro
Una lieve indecisione
Di questo cuore di buffone
Servo di un solo padrone
Un padrone mai contento di niente
Mai contento di…

E un giorno già lo so
Ci incontreremo in un locale
Oppure al centro commerciale
Con le verdure da pesare
E ci diremo come stai
Da quanto tempo sei sposata oppure no
E allora, già lo so
Avremo voglia di scappare
Di spogliarci e far l’amore
In quella strada lungo il mare
E la paura di esser visti mi eccita, lo sai
È più forte di me.

E dei miei sogni di cartone
Bruciati al bar della stazione
Fra un cappuccino e una tazzina di caffè
Fissando un treno regionale
Come se fosse un’astronave
Che fra un minuto ti porta via da me

Ma è solo un attimo, come dire
Un errore di distrazione
Di questo cuore sempre attento
A non fare un passo falso
A non esser mai convinto di niente
È solo un attimo, lo giuro
Una lieve indecisione
Di questo cuore di buffone
Servo di un solo padrone
Un padrone mai contento di niente
Mai contento di…

È solo un attimo
Una lieve indecisione
Un errore di distrazione
Un errore di distrazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.